La ricetta del vin brulé

  torna alle news

La ricetta del vin brulé

 
  
09 Dicembre 2015

La preparazione e gli ingredienti della tipica bevanda calda dell’inverno

Cannella, chiodi di garofano, noce moscata, zucchero e arancia o limone? Sì, gli ingredienti della tradizionale ricetta del vin brulé più noti sono questi, ma non sono gli unici. Oggi ne presentiamo una originale, che rispetto a quella abituale, è fatta con un bianco eccellente e mantiene inalterati i sapori del vino. Anzi, li esalta. La bottiglia di partenza è stata scelta dai nostri amici sommelier, Mauro Longo e Matteo Guidorizzi. Lo chef Paolo Forgia ha avuto il compito, in cucina, di trovare gli ingredienti giusti per preparare un vin brulé con i fiocchi. Il vino è stato un Soave Classico che i sommelier hanno così descritto: con leggero agrume fresco e dolce, la polpa di frutta gialla e le erbe aromatiche e fienate, nota finale di mandorla.

Lo chef ha scelto quindi ingredienti adatti, frutta fiori e spezie, alle caratteristiche del Soave. E questi, per mezzo litro, sono stati: Pepe i Grani- 7 grani Limone - 2 Bucce Arancia - ¼ Miele Acacia- 1 cucchiaio Camomilla - 1 cucchiaino Mele Verdi -¼ Zenzero -20 grammi Zucchero canna - 1 cucchiaio Tranne lo zucchero, che può essere aggiunto alla fine, gli altri ingredienti possono essere messi appena si scalda il vino.

Ma la preparazione di questa ricetta di vin brulé richiede che non si faccia mai bollire. Perché? Semplice: con la bollitura si fanno evaporare l’alcol ed anche molti dei profumi del vino. E ciò va bene quando si usano vini di base da “mal di testa del giorno dopo” (altro che cura del raffreddore!). Ma non quando si usano bottiglie e vitigni eccellenti. Ciò che ne esce dopo una buona mezz’oretta sul fuoco è una bevanda calda per l’inverno completamente diversa da come l’avete assaggiata fin ora . E 1000 volte più buona. Il brulé di Soave Classico è stato preparato all’ultima Fiera del Bollito con la pearà ad Isola della Scala (Vr). E servito con altre 4 ricette diverse usando ogni volta un vino diverso. Tranne un bianco, tutti gli altri sono fatti con vino rosso. In pochi giorni, negli stand della Fiera, hanno voluto assaggiarli in 1500 tra wine lovers e buon gustai Nei prossimi giorni vi daremo anche le altre ricette così, con questi vin brulé, al cenone di Natale o a capodanno potrete stupire i vostri ospiti con la più buona bevanda calda dell’inverno preparata con gli ingredienti e le spezie perfette.